Studiare sicuramente può aiutare ad avere in futuro professioni meglio retribuite ma la formazione secondo il mio parere deve essere aperta a tutti. Tutti dovrebbero avere la possibilità di accedere all’università, per esempio per i meno abbienti attraverso l’elargizione di borse di studio. Esistono delle professioni che possono garantire un futuro lavorativo come per esempio il falegname, l’elettricista e l’idraulico per i quali può sembrare non essere necessaria la laurea. Anche in queste attività, più manuali però la gestione del tempo, del personale, dei materiali, il pagamento dei fornitori è diventato un mestiere complicato che sicuramente una persona più istruita può svolgere meglio e con migliore redditività. Proprio per questo motivo a parità di mansioni solitamente un laureato dovrebbe aver diritto ad uno stipendio maggiore. Nel mondo ci sono anche esempi di persone che si sono rivelate dei geni  lungimiranti.  Essi, pur senza un approfondito studio a scuola, sono riusciti sul campo ad ottener grandi (e al contempo redditizi) risultati. L’esempio più eclatante è certamente la carriera di Steve Jobs, fondatore di Apple.  In Italia purtroppo molte università pubbliche hanno il numero chiuso per la scarsa disponibilità di aule e di professori. Questo è un problema da parecchi anni oramai ma nessun Governo se ne fa carico. Se non si investe in formazione però la popolazione rimane ignorante, ma  forse a qualcuno non dispiace più di tanto….

 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account