Con l’avvento dei social media, che ormai stanno entrando sempre di più nella vita di ogni giorno, tra foto e video pubblicati, talvolta non a tutti va a genio l’idea di lasciare a tutti una sensazione di serenità e benessere comune, la libertà di poter tranquillamente avere un social network da poter usare senza preoccupazioni per postare i selfie scattati con i propri amici o immagini divertenti scovate navigando su Internet.

Queste persone, questi ladri d’identità, sono gli hacker, professionisti che non mettono le loro capacità informatiche a servizio della collettività, ma grazie alle loro avanzate competenze in campo tecnologico riescono piuttosto facilmente ad ottenere i dati di accesso e ogni sorta di password del profilo degli utenti presenti in rete, la cui preparazione per quanto riguarda la protezione dei propri dati è drasticamente limitata e quindi pericolosamente esposta all’attacco dei pirati informatici.

Se esiste un metodo per proteggersi da queste persone scellerate, fastidiose e pericolose, esso sta nel limitare il più possibile la diffusione dei propri dati, così da avere un maggiore controllo su ciò che si posta, e nell’effettuare corsi che illustrino i metodi più semplici di difesa da pericoli informatici.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account