Anche quest’anno, per Google è stato un successo. Il motore di ricerca più grande e importante del mondo è sempre pronto a rispondere a domande di ogni calibro, poste ogni giorno da migliaia di utenti.

Il 2018 è stato l’anno della strage di Genova, della morte di Marchionne e dei mondiali di calcio. Ma non è mancata Ilary Blasi con la sua presunta parrucca, così come qualcuno si è dovuto chiedere se Fedez avesse litigato o no con J-ax; le curiosità a cui Google ha dovuto saper dare una risposta sono veramente tante, e ovviamente non se ne è fatta sfuggire nemmeno una. Da sempre, infatti, il suo compito è quello di informare i suoi utenti su qualsiasi cosa; inizialmente le informazioni archiviate al suo interno erano principali riferimenti alla televisione e a tutto quello che, quotidianamente, veniva trasmesso. Con lo sviluppo della tecnologia, le informazioni che il motore di ricerca conteneva sono cambiate; con la nascita dei blog, ad esempio, Google ha iniziato a fornire consigli e tutorial di ogni tipo, da quelli di bellezza a quelli riguardanti il mondo della tecnologia. Ovviamente non sono venute a mancare le fake news, o semplicemente notizie o curiosità infondate che la gente crede vere.

Google cresce ogni giorno sempre di più e ogni anno conta un numero spropositato di visite da tutto il mondo. Ma quanto possiamo fidarci di tutto quello che troviamo al suo interno? Come si può riconoscere una notizia vera da una poco affidabile? Questo probabilmente non sarà mai possibile capirlo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account