L’agenzia mondiale antidoping nasce il 10 novembre 1999 con lo scopo di non far assumere alle persone che fanno parte del mondo dello sport, sostanze chimiche che servono per aumentare la loro prestazione durante le gare. Anche se vengono fatti continuamente controlli per far si che il fenomeno del doping diminuisca,molti atleti assumono lo stesso queste sostanze con il pericolo che la loro carriera possa finire. Da quando il doping ha preso piede non si è più sicuri che le vittorie degli atleti siano vittorie raggiunte grazie ai propri sforzi o con qualcosa che li avvantaggi. Poco tempo fa è uscita fuori la notizia che in Russia,nell’alimentazione degli atleti ci sia qualcosa che fa pensare al doping. Oltre a questo,penso che il doping non debba essere ammesso per una questione morale,infatti mi pongo una domanda: ma per gli atleti è meglio vincere in modo onesto e con le proprie forze o imbrogliando? Credo sia ovvio che è meglio raggiungere il proprio obbiettivo onestamente. È l’atleta stesso che deve avere il buon senso di non fare uso di queste sostanze che diventano una vera e propria dipendenza.

0
Commenti
  1. federotulo 6 anni ago

    Un testo un po’ piatto a parer mio, avresti potuto dire qualcosa in pi

  2. elebyele2 6 anni ago

    Sono d’accordo con te, stop al doping!!! Non

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account