Donne sfigurate dall’acido: come difenderle? Sinceramente non credo che si possano difendere al 100%,è la triste realtà.
A volte questi reati non sono abbastanza puniti, tutte le donne che subiscono violenze (in questo caso di essere bruciate dall’acido) hanno la conseguenza di traumi psicologici e fisici di certo non è un “esperienza” che si dimentica. La donna che ha subito il trauma probabilmente quando uscirà di casa si guarderà sempre dietro le spalle, avrà problemi a relazionarsi con gli altri….
Questa ragazza, Dollie, ha la mia stessa età e l’ammiro per la sua forza, perché se fosse capitato a me non so se avrei avuto la forza per tornare a sorridere. Mi ricordo di un episodio di una donna bruciata con l’alcool dal marito, i bambini hanno assistito alla scena e la donna dopo pochi giorni è morta. C’è stato anche un caso dove un ragazzo è stato bruciato dall’acido dalla ragazza, perché l’aveva lasciata.
Ricordo che la mia professoressa delle medie, in una lezione, aveva detto che non era d’accordo con la pena di morte. Io invece lo sono. Aveva detto che tutti meritano una seconda possibilità, ma, sinceramente, persone che uccidono e stuprano sono persone malate e per certe malattie non c’è cura, non si guarirà mai. Non so se a un caso come quello che è capitato a Dollie darei la pena di morte, ma di certo per quell’uomo ci sarebbe una pena non da poco.
Credo che anche una cosa giusta sia la “legge” che veniva usata nell’antico Egitto:
Se una persona rubava, veniva derubata
Se una persona ammazzava, veniva ammazzata
Se una persona stuprava, si veniva stuprati e così via.
Ecco a quell’uomo come minimo bisognerebbe lanciargli l’acido in faccia.
Io ovviamente dico BASTA alla violenza sulle donne.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account