“Doparsi” significa assumere delle sostanze farmaceutiche che stimolano ed alterano le prestazioni fisiche di un individuo e che sono inoltre capaci di far percepire meno il dolore, o di non farlo percepire affatto, quando si è sotto sforzo. L’impiego di queste sostanze dopanti è molto frequente nello sport dove ,per vincere, gli atleti si riempiono le vene di droga arrivando alle volte fino alla morte.
L’origine della parola doping deriva dalla bevanda “dop” usata nel Sud Africana come stimolante nelle danze cerimoniali. Nel corso della storia dello sport ci sono stati molti casi e molte polemiche riguardo a sportivi che assumevano droghe per gareggiare.
Anche se all’inizio gli effetti del doping sugli atleti non fossero ben noti, l’uso di questi farmaci è stato largamente diffuso tra gli anni cinquanta e ottanta soprattutto in vista di gare importanti come le olimpiadi. Oggi sappiamo che l’assunzione di queste sostanze nell’immediato provoca effetti strabilianti con un elevatissimo tasso di sopportazione del dolore e della fatica, incremento muscolare e rendimento eccellente, ma a lungo andare gli effetti negativi iniziano ad emergere.

Particolare il caso della pesista tedesca Heidi Krieger , che dopo l’esageratissima somministrazione di steroidi, è stata costretta nel 1997 a sottoporsi all’intervento per diventare uomo poiché ne aveva già assunto tutti i tratti caratteristici.

Oppure quello del pluripremiato campione canadese di atletica Ben Johnson che, grazie al doping, vinse le olimpiadi del 1988 a Seul e stabilì persino il nuovo record del mondo che, in seguito a dei controlli, gli venne revocato in quanto era stato confermato che faceva uso di farmaci dopanti durante la gara.

Un esempio più vicino a noi è quello del famoso podista Alex Schwazer che il 6 agosto 2012, dopo un controllo antidoping a sorpresa, è stato trovato positivo all’eritropoietina. Tutto ciò gli è costato l’espulsione dal CONI e il divieto, dopo alcuni processi, di gareggiare a qualsiasi gara sportiva fino al 29 aprile 2016.

La lista degli atleti sarebbe ancora lunga ma ho deciso di proporvi questi pochi esempi perché li ritengo essere significativi nella storia del doping nello sport.
Ritengo personalmente che tutti coloro che si dopano lo facciano per prevale sugli altre gareggianti e senza considerare la loro salute e i sentimenti dei propri ammiratori. Credo che tutto ciò che facciano sia causato solamente da un’insicurezza che essi provano riguardo alle loro capacità fisiche e per la paura di deludere tutte quelle persone che lo ritengono un esempio del successo.

0
Commenti
  1. wilcadu 6 anni ago

    ciao della redazione di mywriting

    bello l’articolo molto basto e da nel senso del discorso e giusto dire che nel mondo dello sport sopratutto nell’atletica si ha sempre molti dubbi sulla realta del risultato
    sarebbe bello fidarsi sempre dei risultati che da il campo e non rimanere con i dubbi che molte volte rimaniamo di sia con lui che merita gli aplausi.

  2. elebyele2 6 anni ago

    Sono d’accordo con te, stop al doping!!! Non

  3. scienza1998 6 anni ago

    Queste pratiche sono state utilizzate fin dalla notte dei tempi, nelle prime Olimpiadi in Grecia e dopo a Roma gli atleti usavano prodotti naturali per migliorare le prestazioni sportive

  4. miristella 6 anni ago

    Articolo scritto molto bene, hai perfettamente centrato il problema.
    Sono d’accordo con quello che hai detto, sicuramente l’assunzione di sostanze proibite e dopanti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account