Lo sport è sempre stato un strumento (già dall’antica Grecia) per dimostrare l’importanza di un popolo. Nel corso del tempo, a distanza di secoli, l’obbiettivo non è cambiato. Ancora oggi si tende ad usare lo sport per classificare un popolo, una nazione. A volte per dimostrare di essere i più forti, i più dotati, si imbroglia e ciò comporta poi dei gravi danni. L’imbroglio in questione è il Doping. Il doping è severamente vietato, perché crea gravi danni allo sportivo. Questo però molto spesso non viene preso in considerazione e pur di vincere ci si abbassa a questo livello, un livello orribile, perché si mette da parte la vita dell’atleta e si pensa solo ad un qualcosa di astratto la vittoria. Pure se per molti lo sport è un qualcosa simile a ciò che è stato detto sopra, per altri esso viene trattato come un qualcosa di Santo e fondamentale, come un qualcosa che deve rimanere limpido, puro senza macchia. Queste persone che tendono a renderlo immacolato sono i veri sportivi, i veri amanti di quello che fanno. Coloro che macchiano il termine sport, con tutti i loro imbrogli, sono coloro che praticano i vari sport solo per i soldi e questo non li fa amare ciò che fanno, ma solo disprezzarlo sempre di più. Il doping dovrebbe essere tenuto a distanza da tutto, lo sport deve rimanere pulito, limpido. Non macchiamo qualcosa che è stato inventato per divertire, per svagare, per stare insieme.

1 Comment
  1. ricanews 7 anni ago

    Concordo pienamente con quanto tu affermi.
    Purtroppo al giorno d’oggi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account