La volontà di star bene, di passare un po’ di tempo in compagnia, per staccare da tutto e da tutti e in alcuni casi il motivo dell’esistenza di alcuni uomini e donne. Tutto ciò è sport. Dovrebbe essere dunque un modo per sfidare se stessi e confrontarsi con gli altri, amichevolmente o professionalmente. Tuttavia accade spesso che proprio in questo voluto confronto con il prossimo, l’atleta finisca per cadere nel doping. Cosa permette di ottenere a livelli prestazionali questa farsa? Semplice, si registra un aumento della forza, della resistenza e dell’adrenalina permettendo appunto la realizzazione di risultati sportivi probabilmente irraggiungibili se non si nasce con un certo “dono”.
Al giorno d’oggi si sente spesso parlare di questa progressiva e crescente tendenza degli sportivi a doparsi, l’ultimo caso quello delle atlete russe di atletica, che probabilmente non potranno partecipare alle Olimpiadi, mondiali ed europei. Personalmente ormai non mi fido neppure se dai controlli, ritenuti invalicabili, risulta la completa assenza di sostanze dopanti nel sangue.
Credo inoltre che a quei livelli gli interessi economici e magari politici siano elevatissimi, quindi non mi meraviglierei se dovessero uscire degli scandali legati a tale questione.

0
Commenti
  1. ricanews 4 anni ago

    Hai trattato in modo scorrevole e piacevole questo argomento narrando bene sia il vero senso che dovrebbe avere lo sport sia che cosa

  2. wilcadu 4 anni ago

    ciao
    complimenti per l’articolo credo che tutto questo pessimismo da parte di noi spettatori sia fondato dal fatto che ormai non ci meravigliamo pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account