Con il termine doping si intende l’uso (o abuso) di particolari sostanze o medicinali con lo scopo di aumentare artificialmente il rendimento fisico e le prestazioni dell’atleta. II ricorso al doping è un’infrazione all’etica dello sport,
Per questo, al di là della perseguibilità del doping in quanto reato penale, da anni lo Stato, attraverso il Ministero della Salute, porta avanti numerose campagne di sensibilizzazione volte a sottolineare l’aspetto umano del problema. Chi si dopa, infatti, non solo gareggia in modo disonesto e cerca di vincere con l’inganno, ma espone il proprio organismo a seri danni, alterandone l’evoluzione e modificando artificialmente i propri percorsi di crescita. A volte, purtroppo,fino alla morte. Molti appassionati di sport, ma anche giornalisti, spesso sono portati a pensare che il doping sia un fenomeno relativamente recente, sviluppatosi solamente negli ultimi decenni. In realtà è facile scoprire che non è così. All’epoca, non si teneva conto delle conseguenze negative che il doping avrebbe potuto avere sugli atleti, e l’uso di queste sostanze non veniva assolutamente considerato come un modo di falsare la gara, ma come qualcosa di lecito e addirittura necessario …. Dal punto di vista dei dati La Commissione per la vigilanza e il controllo sul doping e la tutela della salute nelle attività sportive, istituita dal ministero della Salute, ha sottoposto al controllo diversi atleti: sono risultati positivi 58 casi, pari al 4,1% degli atleti verificati. E’ stata tuttavia rilevata una sostanziale differenza di genere tra gli atleti dopati: 50 sono uomini, 8 donne. L’età media degli atleti risultati positivi è di 43,7 anni per gli uomini, 39,1 per le donne. Gli sportivi più controllati sono i ciclisti: 317 atleti sottoposti ad antidoping e 81 eventi controllati. Purtroppo guidano la classifica anche delle positività con oltre il 50% dei casi riscontrati. Concludo dicendo che a mio parere uno sportivo non è di alto livello se usa sostanze dopanti. il doping altera la condizione fisica dell’ atleta ed è utilizzato per migliorare le prestazioni: un vero atleta si allena, gareggia e vince solo con le proprie forze. chi imbroglia per vincere non merita di essere chiamato sportivo di alto livello! lo sport dovrebbe essere SEMPRE un piacere. Poi, a livello agonistico, diventa un impegno continuo. Credo che nessuno sport debba diventare pericoloso, a meno che non sia estremo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account