Il DOPING si annida ovunque nelle competizioni, dietro qualsiasi guadagno di immagine o denaro dietro al più semplice e stupido narcisismo.
Sono molti i decessi di sportivi di giovane età, quando accadono cose del genere è solito richiamare che la causa sia l’uso del doping quella maschera che usano molti atleti per non far vedere le proprie capacità e i propri limiti.
Non siamo qui per trovare tutti gli aspetti più negativi del doping, ma di analizzarne, i motivi e le conseguenze di tale utilizzo.
Spesso la vita di oggi nello sport è talmente stressante che alcuni atleti per fare meno sforzo o fatica è pronta ad assumere medicinali illeciti cioè il doping.
Nella maggior parte dei casi tutti i tipi di do-paggio causano problemi alla salute e in molti casi addirittura alla morte, perché il nostro corpo subisce un cambiamento troppo brusco tanto da renderlo confuso. Inoltre, gli atleti che ne fanno uso non ne utilizzano poco ma eccedono nelle quantità e con un uso prolungato nel tempo. Dopo l’abuso di tali sostanze si può avere una ripercussione immediata come lenta e prolungata nel tempo.
Ad esempio gli antidolorifici, anche se non fanno sentire la fatica il dolore che tra l’altro è un segnale d’allarme per indicare di smettere, dopo un loro utilizzo causano danni ben più gravi dello sforzo in se. Gli steroidi determinano i miglioramenti al livello dell’apparato muscolare-scheletrico cioè del loro sviluppo ma generalmente causa seri danni sia all’uomo o che alla donna. L’ormone della crescita o GH, oltre a far ingigantire gli alcuni organi vitali, favorisce lo sviluppo di tumori; un’altra pratica molto in voga tra gli sportivi è emotrasfusione essa causa trombosi ictus e altri problemi al livello del sistema circolatorio
Lo sport, ha una sua dignità e se una persona usa il doping per trionfare pensando di aver fatto una vittoria leale si sbaglia di grosso e a parere mio dovrebbe vergognarsi per tutta la vita.
Ovviamente dietro il doping, attualmente, ci sono sempre fini economici.
D’altra parte gli atleti lo fanno anche per accontentare i propri allenatori o sponsor perché se non vincono vengono trattati come delle nullità.
Al giorno d’oggi l’importante è vincere non importa come con che mezzi lo si ottenga.
Sicuramente ogni atleta ne fa un piccolo uso tanto da perfezionarsi un’po’. È meglio fermare il doping prima che sia il doping a fermare lo sport quindi ci dovrebbero essere molti più controlli per evitare ulteriori vincite sleali ma anche decessi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account