Lo sport è nato a scopo benefico e salutare, ma come accade per ogni cosa, l’uomo l’ha trasformato in un’ attività insana e sleale, preferendo la vittoria alla salute. Pur di primeggiare sugli altri, infatti, è stato introdotto il doping, che consiste nell’assunzione di farmaci e sostanze proibite, allo scopo di migliorare il rendimento dell’atleta durante le gare. Le sostanze dopanti sono però, oltre che illegali anche molto pericolose, poiché queste contengono molti ormoni, tra cui insulina e testosterone, che danneggiano gravemente la salute dell’atleta. Una volta il motto degli atleti era “l’importante non è vincere, ma partecipare”, oggi ormai più nessuno la pensa così, perché molti non possono sopportare l’idea di arrivare ultimi in una gara, sarebbe un’ umiliazione. Penso che ormai non ci si possa più fidare degli atleti, poiché essi, assetati di vittoria e di fama, preferiscono facilitarsi la strada dopandosi, invece di allenarsi e lavorare duramente. Ovviamente capire se gli atleti si sono dopati o meno è molto facile, grazie ai test anti-doping che si effettuano prima delle gare, ma sono del parere che devono essere gli atleti stessi a responsabilizzarsi e a capire che non c’è bisogno di barare per raggiungere la vittoria, ma servono solo impegno e determinazione.

0
Commenti
  1. alensya 6 anni ago

    Sono d’accordo con te. Con il passare degli anni anche i valori pi

  2. maryscalzi 6 anni ago

    Sono d’accordo con te. A causa della brama di alcuni atleti, lo sport oggi sta perdendo il suo valore. Purtroppo non

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account