Il doping è una forma di droga che plagia chi fa uso anche di quantità irrisorie, perché è nel tempo che si registrano gli effetti devastanti. Questa sostanza viene impiegata maggiormente nello sport a livello agonistico per potenziare apparentemente e brevemente la resistenza e la forza di chi ne usufruisce durante le gare. Gli atleti sono convinti che l’assunzione di “intrugli chimici” sia più utile rispetto all’allenamento intensivo e che aumenti l’efficacia delle prestazioni in modo tale da ottenere risultati migliori e più veloci. Benché questa sostanza dia l’impressione di migliorare la performance, è pur sempre una droga che come tutte le sostanze stupefacenti altera il corpo e la mente in maniera irreversibile, creando un’inesorabile dipendenza; il solo aumento del battito cardiaco e dell’adrenalina può provocare danni celebrali tali da compromettere la vita nelle sue funzioni quotidiane.
Invece di assumere queste sostanze che danneggiano il nostro fisico, per migliorare realmente la forza e la resistenza bisogna avere dedizione e coraggio. Pratico la boxe da tre anni; sono convinto che lo sport sia destinato a chi ha carattere e chi non lo ha lo guadagna negli anni. Nella mia palestra è severamente bandita ogni forma di droga; le regole sono ferree: dall’evitare scorrettezze all’uso di un linguaggio adeguato, pena un numero elevato di flessioni fino all’estromissione. E’ vero che fare sport richiede tempo, sacrifico e privazioni varie, ma tutto ritorna e la gratificazione è centuplicata anche se si perde qualche incontro perché consapevoli di averci messo tenacia e lealtà. Non sono mancati momenti di rabbia e di sconforto; ho vissuto sulla mia pelle la corruzione e la scorrettezza, ma non credo di essere stato contagiato perché combattere nella vita in modo sano e con le proprie capacità è meglio che riuscire attraverso imbrogli e nefandezze.
Il mio maestro ripete: ”Dedizione, concentrazione e soprattutto rispetto per l’avversario!”

1 Comment
  1. elebyele2 7 anni ago

    Sono d’accordo con te, basta doping! La vera vittoria non si ottiene imbrogliando, ma con un duro e costante allenamento!!! Per non parlare poi degli effetti collaterali del doping che possono portare alla morte! E il tuo maestro ha proprio ragione, bisogna avere rispetto per l’avversario.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account