E’ disarmante e di continua stanchezza ritornare a discutere ancora e ancora dei nostri privilegiati e amatissimi Social Network,in particolare di Facebook. Si puo’ considerarli effettivamente come dei robot,i quali innescano ed elaborano informazioni sfornandone altre totalmente differenti rispetto a quelle infornate. Nell’ultimo periodo si e’ assistito al trionfo clamoroso di Donal Trump;politico,imprenditore e personaggio televisivo statunitense,divenuto presidente eletto degli Stati Uniti d’America. Alcuni osservatori hanno puntato il dito contro Facebook,poiche’ una buona parte della campagna mediatica di quest’ ultimo sia stata divulgata sui social tramite notizie fasulle sulla rivale Hillary Clinton;politica statunitense del Partito Democratico,senatrice e segretario di Stato. A Facebook viene rivolta l’accusa di aver fatto strada liberamente a informazioni non reali. Ma Mark Zuckerberg,CEO di Facebook,risponde a quanto dicendo che ha trovato strana l’idea che un Social Network potesse cambiare,indirizzare fino addirittura ad arrivare a influenzare il destino di una campagna elettorale. Ebbene si,Facebook non e’,a parer mio,contenuto bensi un macro contenitore dentro cui vengono gettati dentro una marea di ragguagli che si aggirano tra l’essere veri o meno. Oggi esso non si limita ad essere una semplice piattaforma tecnologica,ma credo che lo si puo’ considerare come un editore sempre attivo e irrequieto! Tu,non affidarti mai a tali social,poiche’ traggono e coinvolgono cose e persone in inganno suscitando e facendo propaganda un qualcosa che sostanzialmente non e’ stato approvato.

1 Comment
  1. ale3a 6 anni ago

    Beh, pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account