Il volto della nostra società è mutato e non accenna a fermare la sua corsa travolgente spingendoci giorno dopo giorno a valutare qualitativamente ogni cosa. Dare i voti è diventata una pratica conclamata in ogni settore. Ormai gli indici di gradimento vengono adoperati per riconoscere un valore a tutto ciò che ci circonda. La televisione è piena di programmi che si occupano di redigere pagelle idonee a far credere che un prodotto sia meglio di un altro, che una squadra di calcio valga di più della concorrente della stessa città. Ma spesso e volentieri si evita di parlare degli indici di gradimento delle istituzioni, quelle entità misteriose e imponenti che decidono le sorti della vita dei cittadini con la capacità di cambiarla anche, in alcuni casi, in modo irrevocabile. Infatti i giornali sono pieni di testimonianze di persone che hanno avuto a che fare con “L’istituzione giustizia” e che si sono scottate per il suo mal funzionamento. Altri invece hanno voluto denunciare fatti e crimini che successivamente si sono ritorti contro sé stessi. Ma allora di chi dobbiamo avere fiducia in questa Italia piena di problemi che nonostante tutto rimane sempre il paese più bello del mondo? Il fatto che oggi non ci fidiamo più di nessuno è proprio l’esagerato progresso della nostra società? Chi dovrebbe proteggerci, purtroppo, continua ad avere le mani legate da quei burocrati che stentano ancora a capire che, dare i mezzi giusti, equivale a fare un passo in avanti nella risoluzione dei problemi. Basterebbero poche mirate leggi ad impedire ai criminali di essere fuori il giorno dopo l’arresto. Semplici regole che stabiliscano la certezza della pena al di sopra di ogni appello. Norme che tutelino coloro che fanno del mestiere di poliziotto, carabiniere, vigile urbano ecc.. non solo un lavoro, ma una vera e propria missione. Credo che le forze dell’ordine meritino la nostra fiducia e un bel otto in pagella che ne premi l’impegno, mentre i burocrati concentrati a difendere la propria poltrona un bel due, per non essere riusciti ancora a dare il giusto orientamento alle cose.

0
Commenti
  1. pasqua98 6 anni ago

    Ciao, dalla redazione i Carbo..Idrati!
    Devo farti i complimenti per il titolo, l’ho trovato davvero originale e penso che attragga davvero l’attenzione del lettore.
    Inoltre il tuo elaborato

  2. ricanews 6 anni ago

    Interessante il tuo articolo e lo sviluppo che hai dato ad esso. Effettivamente vi sono sondaggi su tutto, dal singolo prodotto, alle migliori canzoni, al gradimento delle trasmissioni pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account