Negli ultimi anni i sondaggi sono diventati sempre più frequenti e diversificati. Capita spesso di sentir parlare sui giornali di indagine statistica su vari argomenti (generalmente di tendenza). Prima di addentrarci nel discorso, occorre comprendere a cosa servano i sondaggi. Questi ultimi si basano su due campi dell’algebra: la statistica ed il calcolo delle probabilità. Di solito vengono utilizzati in diverse situazioni, per esempio per capire il livello di validità di un’università, oppure per conoscere il livello di apprezzamento della popolazione nei confronti di una legge, osservare la crescita di un’azienda.
A questo punto, compreso a cosa possa servire un sondaggio, bisogna comprendere l’utilità effettiva di quest’ultimo. Come già accennato, tramite i sondaggi, i principali giornali italiani ed europei stilano le classifiche riguardanti la miglior università europea, la città più vivibile…
Tuttavia la statistica non è accettata allo stesso modo da tutti. Come per tutte le cose, troviamo chi si fida e chi in realtà risulta scettico. Prendere posizione in questa discussione è molto complicato. Effettivamente un sondaggio ci permette tramite una serie di classifiche di poter valutare diverse opzioni, o comunque di avere una visione di insieme delle varie possibilità. Purtroppo molto spesso capita che questi sondaggi non siano poi così precisi, infatti uno dei più grandi problemi delle indagini statistica riguarda il fatto che essa non potrà mai essere precisa al 100% (e questo è un paradosso) poiché è impossibile che riesca a tenere conto delle infinite variabili che ci circondano. L’esempio più classico riguarda la classifica delle città più vivibili d’Italia. Quest’anno la città migliore d’Italia è risultata essere Bolzano, una città di poco più di centomila abitanti confinata in un fondovalle, seguono Belluno e Cuneo. Ora non credo che tutte le persone che abbiano letto l’indagine abbiano pensato di volersi trasferire a Cuneo, o a Bolzano, ma neanche di volersi trasferire dalla propria città qualora quest’ultima fosse tra le peggiori.
Quindi i sondaggi sono molto utili per permettere a tutta la popolazione di farsi una determinata opinione di ciò di cui si sta parlando, tuttavia bisogna ricordare che le statistiche prendono in esame un insieme formato da tanti elementi diversi, e creano una media tra i risultati ottenuti, quindi non è né precisa, né tanto meno completamente affidabile.

0
Commenti
  1. ginnyboni 5 anni ago

    Ciao, sofiacanig98!
    Mi piace tantissimo il tuo post!Il discorso

  2. hanaa 5 anni ago

    Ciao soficanig98!
    Hai svolto un bell’articolo, privo di errori grammaticali o di battitura e caratterizzato da stile chiaro e semplice. Trovo il titolo davvero originale, capace di attirare l’attenzione del lettore.
    Concordo con tutto ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account