Gli indici di per sè sono un criterio oggettivo per mettere in fila gli avvenimenti, per provare a stilare una classifica delle cose.
In un mondo che si basa esclusivamente sul settore economico-finanziario dove i sondaggi sono alla base di ogni giorni, fidarsi diventa a mano a mano sempre più rischioso.
Siamo sottoposti quotidianamente a continui e ripetuti sondaggi quali la qualità della vita e proposte politiche, ed è proprio la scuola la prima a farlo. Bisogna davvero fidarsi?
Attualmente i sondaggi risultano importanti per capire le tendenze e gli andamenti di alcune aziende o del paese stesso. Personalmente, essendo sottoposto a un mondo prevalentemente corrotto, fidarmi è più che difficile.
Come posso credere a politici che promettono grandi cose e poi o le fanno “all’acqua di rose” o fanno tutt’altro oppure, come sempre, rimangono fermi a guardarci morire?
Come posso fidarmi di giornalisti che deformano la verità?
No, non mi fido. Sarà pure che non sono un esperto in statistica, ma so per certo che falsificare un sondaggio è cosa facile.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account