Sono iscritta su Facebook dalla seconda o dalla terza media, avevo sì e no 13 anni. Non ci ho messo tanto a capire come funziona, come mi devo muovere e come devo fare per postare.
Ripensandoci ero un po’ piccola per iniziare ad avere un account, per essere iscritta e per condividere post con tutti. Però ho seguito la massa, era il periodo dei tanti like, degli “amici” che non hai mai visto e del mondo del social network.
E l’aspetto negativo sta proprio qui.
Il mondo dei social network non finisce mai di “stupirci”, non si arrende mai e cerca di fare tutto pur di aumentare i suoi iscritti.
Facebook, forse, è quello più utilizzato dai giovani.
Si va a mangiare una pizza e si posta tutto su Facebook. Si parte per un viaggio e si posta la foto dell’austrada dove ci si trova. Si sta male e tutti lo sanno.
Ma, in tutto questo, dimentichiamo una parolina: PRIVACY. Diciamo di confidare tutto all’amico del cuore, alla famiglia, però postiamo su Facebook.
Io forse un po’ mi allontano da questo mondo: non sono la classica ragazza che va in giro e posta tutto. Cerco di limitarmi e di condividere con gli amici che conosco davvero la mia vita, senza esagerare ovviamente.
Una foto che mi rappresenta e una frase ad effetto. Non vado oltre e sono fiera.
E non credo di sbagliare minimamente.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account