Si può dire ormai che il mondo dei Social Network, in particolare quello collegato a Facebook da tutti conosciuto e usato, stia sempre di più sconvolgendo le nostre vite. Se prima, infatti, erano solo gli adolescenti a dedicarvi gran parte del loro tempo ormai anche gli adulti passano ore davanti al loro cellulare o computer osservando e condividendo immagini e post su Facebook.
Questo nuovo mondo digitale delle comunicazioni, che si sta sempre di più evolvendo, può presentare i suoi lati positivi e i suoi lati negativi. Da un lato ci tiene costantemente informati sulla vita dei nostri amici o dei nostri parenti grazie ai post o alle immagini che condividono su Facebook, permettendo quindi di renderci più consapevoli del nostro mondo. Dall’altro lato però ci pone in un grave pericolo perché molte volte non sono solo le persone a noi care a scoprire le informazioni che condividiamo sul nostro profilo ma anche perfetti sconosciuti. Non sapendo questo, molte volte non siamo affatto consapevoli di quello che pubblichiamo e finiamo per riempire la pagina del nostro profilo con post che offrono troppe informazioni sulla nostra vita. Le conseguenze di scelte a volte azzardate o ingenue possono essere il cyberbullismo, con giovani adolescenti che vengono derisi sempre più spesso in rete dai loro stessi compagni o da sconosciuti, e la pedofila, con adulti che fingendosi in rete adolescenti si approfittano di giovani ragazze o ragazzi.
Esiste il modo per evitare di correre simili rischi: non solo Facebook permette di selezionare le persone che possono osservare i nostri post, preservando così la nostra privacy, ma soprattutto noi dobbiamo fare il primo passo, crescendo in consapevolezza e senso di responsabilità rispetto a quello che pubblichiamo in rete, sapendo che nonostante i filtri qualche persona indesiderata potrebbe comunque riuscire a vedere la nostra pagina.

————————-

0
1 Comment
  1. wednesday 5 anni ago

    Ciao dalla redazione ”L’ azienda agricola”! Hai scritto un bell’ articolo, chiaro, scorrevole e senza errori ortografici o di battitura. Sono d’ accordo con te: Facebook permette di preservare in parte la propria privacy e in questo modo si possono evitare molti rischi.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account