Ormai sono molte le persone che, attratti dall’uso dei social, entrano a far parte della comunità di face book: e non solo i giovani. Uomini d’affari, cuochi, single e anche le mamme sono affascinati dall’invenzione di Mark Zuckerberg. E’ noto a tutti, oramai, che i social sono strumenti pieni di insidie, perché spesso non si sa mai che tipo di persona entra in contatto con noi, approfittando dello schermo che gli fa da maschera e che rende molto verosimile il detto: l’apparenza inganna. In questo caso specifico le persone più a rischio sono proprio le mamme, perché fondamentalmente inesperte, come ci dimostra l’ultimo episodio successo. Infatti, da alcuni giorni circola una catena di Sant’Antonio che lancia una sfida a tutte le mamme. Il messaggio in questione recita: Sfida delle mamme.
Sono stata nominata per postare tre foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto: copia questo testo, inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”.
Le poverine, orgogliose dei loro figli e del loro operato, non hanno minimamente pensato quali conseguenze negative potesse avere una richiesta apparentemente innocente ed innocua come quella rappresentata dalla sfida sopra descritta, e hanno ingenuamente pensato di pubblicare le foto.
Spesso a nulla valgono gli avvisi della Polizia Postale che cerca di mettere in guardia le persone più ingenue e sprovvedute, informandole del rischio che corrono di ritrovare quelle stesse foto in siti dediti a truffe, in siti di pedofili, in quelli porno, quando non si finisce nelle liste di spammer, che usano queste catene per raccogliere indirizzi sui quali inviare pubblicità di vario tipo o, addirittura, veicolare virus invasivi.
Questo serva da monito a tutti: prestare la massima attenzione a cosa si pubblica sui social! Talvolta anche una foto, apparentemente innocua, può costituire fonte di serio pericolo. E’ fondamentale non dare troppe informazioni su di noi, non lasciarsi irretire da chissà quali promesse, evitare di postare foto che possano fornire particolari indicazioni sulla nostra vita, premesso che a questa ci teniamo moltissimo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account