Oggi parliamo di un social network molto usato da giovani, meno giovani e ormai anche da bambini, facebook.
Spiegarvi che tipo di social è sarebbe inutile perché a quanto pare siamo tutti informati.
L’unica cosa su cui rifletteremo oggi è la gravità delle foto condivise per abusi o pedo-pornografia.
Chi sono coloro che, dai dati riportati, stanno seguendo questa moda , chiamata anche “catena di Sant’Antonio”?
Si, sono proprio nella maggior parte dei casi le madri di famiglia.
Ma giustamente vi chiederete che cosa c’è di male nel pubblicare delle foto con in propri figli?
Assolutamente nulla, il problema sta nel fatto che quando pubblicate o condividete fatelo con le dovute accortezze, perché in questo mondo virtuale purtroppo c’è gente che si “diverte” prendendo in giro queste foto, o perfino ricattando le stesse mamme.
Tutto questo ce lo dice la polizia postale, uomini qualificati e competenti in questo campo , quindi ci dobbiamo fidare!
Per quanto riguarda queste persone, che io definirei dei “mostri”
perché invece di stare sempre a fare cattiverie non andate a farvi una bella passeggiata?
Mi raccomando a tutte quelle mamme inscritte di fare attenzione!

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account