I social network sono diventati fondamentali per la nostra quotidianità: siamo sempre collegati e sembra quasi che sia vietato posare il cellulare. Inoltre la gente, ogni giorno, pubblica in continuazione post, immagini e vari commenti, così tanti che se si volessero contare sarebbe difficilissimo. È una bella cosa il fatto che tutti possono essere sempre in contatto, ma può avere anche un lato negativo; poco tempo fa infatti su Facebook era impazzata una nuova moda, quella di postare le foto dei propri bambini. Una così detta “catena di Sant’Antonio” ideata da alcune mamme, invitandone altre a seguire questa pubblicazione. La polizia postale, una volta presa nota di questo fatto, ha subito allarmato tutti i genitori che pubblicare le foto dei propri figli poiché potrebbero finire in siti pedopornografici. Una notizia che, naturalmente, ha scioccato tutto il web, non tanto per il fatto in sé, ma perché si capisce da ciò quanto sia insicuro un social network. Ogni cosa, dalle foto ai semplici pensieri “filosofici”, una volta immessa in internet è un materiale pubblico, qualsiasi persona può prenderne il possesso e farci ciò che vuole. Bisogna, perciò, stare molto attenti quando si pubblica qualcosa, pensare sempre alle conseguenze. Io penso che bisogna assolutamente aumentare la sicurezza, poiché la gente non può aver paura anche di cosa pubblica, però credo anche che la gente dovrebbe essere più responsabile e affrontare questa pecca di internet, accettarla e starci attenta. Chi può saperlo, forse un giorno tutto questo sarà diverso, ma per ora la situazione è così perciò non si può far altro che prenderne atto e stare sempre attenti a cosa si pubblica.
Leonardo Vitali

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account