Al giorno d’oggi si discute molto sulla sicurezza dei social network, dei metodi più efficaci per mantenere più o meno alta la propria privacy e di tutto ciò che ha a che fare con la sicurezza in generale nel mondo del web.
Uno dei social più a rischio è certamente Facebook: con oltre 1 miliardo di iscritti, questo è certamente il social network più utilizzato in tutto il mondo. Ma i rischi collegati ad esso sono molto elevati, poiché, a causa dell’enorme affluenza, le possibilità che i dati personali possano essere usati in modo negativo sono molto alte.
Spesso, però, sono gli stessi iscritti che vanno in contro a determinati problemi, per via dei file e di tutto quello che condividono.
È il “bisogno di condividere” che costituisce il primo problema, perché pur di postare foto o video, non si fa attenzione a cosa e a come lo si condivide.
Si possono istituire tutte le norme e le restrizione per mantenere un certa protezione della propria persona, ma se non si possiede un po’ di buon senso, i social media possono diventare un serio problema.
Usando prevalentemente i social di messaggistica, quelli di “dominio pubblico” li prendo meno in considerazione, postando molto raramente foto o pensieri personali.
Ma credo che l’unico modo per essere veramente sicuri nel mondo virtuale sia quello di capire attentamente ciò che si condivide, analizzando le possibili conseguenze (positive o negative) che potrebbero esserci, utilizzando sempre il buon senso in modo tale da essere sempre coscienti delle proprie azioni.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account