Da quando Facebook è stato creato, tutto il mondo è rimasto affascinato: Facebook è stato uno dei primi social che le persone abbiano mai conosciuto, e tutt’ora, è il social più utilizzato, non solo perché lo utilizzano tutti, ma perché è in grado di facilitare i nostri rapporti sociali, permettendo alle persone che lo utilizzano di metterle in contatto con utenti dall’altra parte del mondo, senza un reale costo aggiuntivo.
Da qualche tempo a questa parte, si è diffusa la moda di postare su Facebook, foto, immagini e video dei momenti più interessanti della nostra vita quotidiana, in particolare, in questo periodo si è diffusa una delle tante catene di Sant’Antonio, nella quale, le mamme sono state invitate a postare foto con i propri pargoli.
La maggior parte delle volte però, queste foto postate, sono utilizzate per la pedo-pornografia; difatti, la polizia di stato ha espressamente detto che nel 2015, ha eseguito ben 67 arresti per uso improprio di immagini pedo-pornografiche.
L’uso di un social, come Facebook, è ovviamente libero, però, proprio il fatto che tutti i post (compresi foto e video) possano essere visti da tutti, deve necessitare un pizzico di preoccupazione, postando con cautela, soprattutto se si tratta della propria famiglia, in particolare, se si parla di figli.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account