“Facebook ti aiuta a connetterti e rimanere in contatto con le persone della tua vita” questa è la frase nella prima pagina di Facebook che ci invoglia ad iscriverci e condividere tutto della propria vita.Ci iscriviamo,tanto è gratis,prepariamo il nostro “profilo” ed il gioco è fatto.Da quel momento la nostra “vita “è tutta lì ed ogni giorno
riceviamo le richieste di “amicizia” che si allargano sempre più. Aggiorniamo continuamente la nostra immagine ,scriviamo pensieri,pubblichiamo foto che ci sembrano significative del “momento” che stiamo vivendo.Tutto questo un “lavoro” che è diventata la nostra routine quotidiana.Molti ,però,vanno oltre,vi inseriscono informazioni e notizie molto personali,foto anche di piccolezze,documentando in ogni particolare ciò che fanno dalla mattina alla sera per far sapere a tutti tutto di sé.In questa frenesia di condividere tutto é capitato che qualche immagine di troppo abbia fatto rompere amicizie solide fino a quel momento o legami affettivi.Il pericolo è dietro l’angolo e quindi bisogna stare attenti a ciò che si pubblica.Io non sono così tanto “smanioso” di inserire foto e immagini a ripetizione,talvolta voglio condividere un viaggio che ho fatto e pubblico i paesaggi e i luoghi che ho visitato e che reputavo belli.Ho pubblicato foto di qualche evento importante ma nulla di più.Ci tengo alla mia privacy e le foto più “mie” non ho proprio voglia di condividerle.

Commenti
  1. Author
    Marco 7 anni ago

    Grazie a tutti voi,ho espresso il mio pensiero considerando ci

  2. ricanews 7 anni ago

    Bravo sia per le idee, che condivido pienamente, sia per l’articolo scritto bene. Hai trattato l’argomento proposto in modo chiaro, semplice e scorrevole. Hai esposto bene la tua opinione che ritengo essere pi

  3. filo00 7 anni ago

    Ciao freeeagle98 dalla redazione Cervelli in fuga!
    Mi

  4. nicotiri 7 anni ago

    Ciao,
    Bello il tuo articolo. Hai trascritto perfettamente ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account