Credo che la felicità consista in uno stato di benessere interiore che ci fa percepire ciò che ci circonda in modo positivo per cui tutto ci appare bello, perfetto. Non tutti comunque riescono a raggiungere questo stato di benessere; per molti, in particolare per i pessimisti, è complicato essere felici, c’è sempre quel qualcosa che non va e impedisce di apprezzare e riconoscere quelle piccole cose che accadono quotidianamente e possono regalare degli istanti di gioia. Penso che il difetto principale di queste persone sia quello di vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto e mai mezzo pieno. Credo ancora che la felicità non esista principalmente per quelle persone abituate ad avere sempre tutto e quindi si ritengono infelici quando viene loro negato di soddisfare anche un minimo capriccio o una banale stupidaggine.

Da bambini essere felici è molto più semplice, basta una caramella o un gioco nuovo è tutto cambia, in quel momento si diventa la persona più felice del mondo; quando arriva l’adolescenza le cose iniziano a cambiare, per ogni problema si fa una tragedia e si pensa di essere semplicemente sfortunati, non si riflette sul fatto che ci sono persone che non hanno niente, eppure riescono a sorridere ogni giorno.

Basta pensare ai paesi poveri e a coloro che non hanno neanche il necessario per riempire la loro pancia mentre noi tocchiamo ogni giorno  la felicità con un dito e purtroppo non riusciamo a capirlo.

 

Dobbiamo imparare ad apprezzare di più tutto ciò che abbiamo e non solo le cose materiali, perché di quelle prima o poi ci stancheremo e le butteremo via. Ritengo, invece, che a rendere veramente felice una persona sia l’AMORE. Amare ci fa stare bene con noi stessi e con gli altri, l’amore è quel sentimento che si prova verso le persone a noi care che ci aiutano ogni giorno ad affrontare la vita, un esempio sono i genitori. Avendo l’amore dei propri cari secondo me non si può non essere felici. Se a ciò si aggiunge poi la capacità di sentirsi soddisfatti anche dalle piccole cose quotidiane, allora si raggiunge uno stato di benessere interiore che ci fa essere costantemente felici.

Pertanto non bisogna avere grandi pretese, perché sono le piccole cose che, se apprezzate, danno la felicità.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account