Mi pongo spesso, forse sempre, la domanda di cosa farò nella mia vita,mi fermo a pensare, sia per quanto riguarda la mia vita lavorativa e anche la mia vita personale. Quando penso a cosa farò da grande, mi sorgono tante domande, andare avanti con gli studi, iniziare a lavorare appena finita la scuola, quale lavoro mi aspetterà, quali problemi dovrò affrontare, quali difficoltà e tantissime altre domande. La parola futuro, la maggior parte della gente vede la parola futuro come l’apparenza a un mondo irreale, il nostro destino. per esempio fino a qualche anno fa si immaginava il 2000 come un anno pieno di attrezzature e innovazioni, distaccato dagli anni ’90. Mentre ora in questo 2000 cosa è cambiato rispetto agli anni ’90?, proprio niente è la vera risposta. La vita futura, non potremo mai sapere cosa ci succederà andando avanti nel tempo, della nostra vita. Io credo che pensare al futuro sia inutile. La mia idea è che bisogna vivere il presente, viverlo intensamente, in tutte le sue parti,nella gioia, nel dolore, nella tristezza e nella felicità, preoccupandosi minimamente di ciò che verrà in futuro e vivendo ogni momento della nostra vita come se fosse l’ultimo.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account