Ci siamo sempre chiesti “cosa farò in futuro?” e quante volte da bambini ci siamo detti” io da grande farò il dottore,la ballerina o l’astronauta!”
Eppure ora che siamo cresciuti è arrivato il momento di pensarci seriamente ed eliminare le fantasie irraggiungibili che ci siamo fissati da bambini e sì, questo fa paura.
Abbiamo passato gli anni della nostra vita mutando in continuazione i nostri piani ma ora che siamo così vicini alla meta molti di noi si riprovano con l’acqua alla gola e un insistente “non lo so” in testa.
Non è facile per nessuno prendere delle decisioni e, come se i dubbi personali non bastassero, ci ritroviamo a fare i conti con le realtà e più di tutto con questa crisi he attanaglia il nostro Paese da diversi anni ormai.
Se prima pensavamo a ciò che ci sarebbe davvero piaciuto fare ora ci confrontiamo con ciò che ci viene chiesto di fare, spesso scegliamo un percorso non per passione ma per la promessa di un posto di lavoro; è diventata una caccia ormai, non c’è più posto per sogni e fantasie, si fa quel che si deve fare e l’accettazione che avevamo da bambini per il futuro muore lasciando spesso la paura e l’insicurezza, paura di non trovare lavoro,di non poter pagare le bollette… dopotutto è questo uno dei problemi che affligge le persone oggigiorno .
Ma il futuro se da una parte è paura ed incertezza dall’altra è anche speranza e successo, dipende per buona parte da noi se abbandonarci al negativismo che pervade la situazione economica italiana o se prendere in mano la nostra vita e lottare per raggiungere i nostri sogni con dedizione ed impegno.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account