Qualsiasi sarà la professione che sceglierò, sicuramente mi sarà richiesto di padroneggiare non poche competenze. La disoccupazione giovanile e la provvisorietà del posto di lavoro sono oggi più di ieri fenomeni che creano preoccupazione in tutti. Dietro a tutto ciò c’è però una realtà legata all’evoluzione del mondo del lavoro. Io penso che l’occupazione stabile ,quella che dura tutta la vita, non esisterà più. Di una cosa comunque mi sto rendendo conto, che l’organizzazione del lavoro sta cambiando. Sin da adesso quindi mi sento chiamata a diventare responsabile e autonoma nel gestire i miei progetti per trovare un lavoro nel futuro. Per primo penso, che la cosa più importante, sia impossessarsi di tutte quelle competenze di base utilizzabili in tutti i tipi di lavoro. Quindi il primo obiettivo dovrà essere ,conoscere e valorizzare meglio le proprie competenze. Un metodo poi per valorizzarsi ancor di più mi sembrerebbe quello di fare esperienze nei campi più diversi. E’ chiaro che il titolo di studio resta fondamentale , è il biglietto di presentazione. Resta comunque il fatto che non esprime tutte le ricchezze personali e il valore di una persona. In conclusione importate sarà anche tenere il ritmo delle innovazioni tecnologiche.

Commenti
  1. filo00 7 anni ago

    Ciao dania19 dalla redazione Cervelli in fuga! Ho letto il tuo articolo e devo dire che mi

  2. melania11 7 anni ago

    Ciao dania19! Il tuo articolo mi piace molto. Condivido appieno ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account