Quante volte ho criticato l’età che sto vivendo!
Quante volte ho desiderato svegliarmi e trovarmi già adulta, libera dai complessi che mi attanagliano la mente e dalle insicurezze che mi divorano. Mi capita spesso di desiderarlo, ma un attimo dopo mi fermo a riflettere.
Voglio davvero diventare adulta così, all’istante, solo perché alcune cose non vanno come vorrei andassero?
A sedici anni mi è consentito provare un po’ di timore al pensiero di dover abbandonare la “sicurezza” adolescenziale. E lo provo, lo provo tutto. Perché non so cosa mi aspetta, perché non chi diventerò, cosa farò o dove mi troverò, perché sarà tutto nuovo e non saprò come comportarmi.
Dovrò smettere di dipendere dai miei genitori e assumermi le mie responsabilità, andare incontro ai miei doveri di adulta e rispettarli. Sarò indipendente, sì, e l’indipendenza la vogliamo tutti, ma ammetto che mi spaventa un pochino.
Sono una ragazza molto insicura per natura, immaginare il mio futuro mi terrorizza. Ma so che non posso restare intrappolata a vita nei miei sedici anni e che, purtroppo, non sarò mai come Peter Pan…

1 Comment
  1. miristella 7 anni ago

    Ciao, irish99! Hai scritto davvero un bell’articolo, molto semplice e saggio, privo di errori ortografici o di battitura. Anche io, come te, ho desiderato a volte superare questa parte della mia vita, ma mi rendo conto che dobbiamo vivere felicemente la nostra giovinezza, senza troppi rimpianti.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account