Nonostate il progresso e le scoperte scientifiche, il futuro tutt’ oggi rimane uno dei più grandi misteri. Tutti vorremmo sapere come sarà la nostra vita tra vent’ anni, quale mestiere svolgeremo o addirittura le rughe che si conteranno sul nostro volto e i chili di troppo conto i quali dovremo combattere. C’è chi credee che il futuro sia già stato scritto; altri invece sostengono che siamo noi gli artefici del nostro destino. Come dice un vecchio detto ‘Il passato è storia, il presente un regalo, e il domani un mistero’;già penso che MISTERO sia l’ aggettivo giuto per definire ciò che ci attende. Quando siamo piccoli non vediamo l’ora di crescere,di diventare alti come il papà, saggi come il nonno e autonomi come i fratelli più grandi. Gli anni passano cosi in fretta che all’ improvviso ci ritroviamo ad essere propio quello che tanto avevamo sognato. A volte, però, si rimane delusi. Tutti i sogni e i progetti che ci eravamo fatti vanno in frantumi. Presto ci rendiamo conto che crescere non vuol dire solo diventare alti e uscire di sera, ma comporta altre responsabilità, altri pensieri. Si sperimentano le prime delusioni d’amore, le amicizie finite male e i ‘per sempre’ che durano solo pochi giorni. Crescere, vuol dire anche maturare, prendersi le proprie responsabilità, non sperare solo nell’ aiuto dei genitori per tirarsi fuori dai guai. Scopriamo un mondo nuovo, che richiede autodeterminazione, tanta buona volontà e soprattutto il sogno e quel pizzico di follia che non bisogna perdere mai. Penso che siano questi gli ingredienti segreti per affronare il tanto temuto futuro nei migliore dei modi.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account