Quando ero bambina,ogni volta che andavo a trovare mia nonna, mi nascondevo dentro il bagno e iniziavo a cercare tra i cassetti i suoi trucchi. Una volta trovati cominciava il divertimento,e poco dopo cinque minuti non ero più una graziosa bambina,ma un clown! Rossetto cosparso in tutta la faccia e così tanta cipria che mi faceva sembrare di porcellana,per non parlare degli ombretti dai mille colori…
Volevo giocare,ma anche diventare più grande,somigliare alle donne mature che mi stavano sempre accanto. Per fortuna sono cresciuta davvero,pensa se ancora mi truccavo così!
Se da bambina avevo così tanta spensieratezza nel cercare di somigliare a qualcuno più grande,ora ho un pò paura a crescere. Non so che cosa mi aspetta tra uno,cinque o dieci anni e questo mi mette angoscia.Riuscirò ad esaudire ogni mio sogno? Raggiungere ogni obbiettivo? Solo il tempo ce lo dirà,e questo è un bel problema per me. Con le notizie che si sentono,niente è scontato al giorno d’oggi. Dall’altro lato però,non vedo l’ora di crescere. Anzi,mi basterebbe arrivare a diciotto anni,così da prendere la macchina ed essere più libera. Diventare meno dipendente dai miei genitori,obbligati a scarrozzarmi a destra e a manca e a volte costretti a dirmi di no.
Però pensandoci bene,l’età perfetta da raggiungere sarebbe tra i venticinque e i ventotto anni,così da poter avere una casetta tutta tua e formare una famiglia.Questo forse è ciò a cui ambisco di più,oltre sicuramente ad avere un buon lavoro.
In conclusione posso dire che da una parte non vedo l’ora di crescere,essere indipendente ed inseguire i miei sogni,ma allo stesso tempo voglio godermi la vita che ho ora e apprezzare le piccole cose il più possibile,senza avere fretta.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account