“Chi vuol esser lieto sia, del doman non v’è certezza” diceva Lorenzo de Medici; è dunque un sentimento comune provare timore pensando al proprio futuro, poiché non vi sono sicurezze su cui appoggiarsi.
Spesso ci si perde a fantasticare su come sarà la nostra vita e si inizia a riflettere, a sognare, ad immaginare. Personalmente, per quanto riguarda tale aspetto, mi sento ottimista e determinata, aspiro a una vita piena di soddisfazioni, salute, felicità e amore.
I miei sogni non sono irraggiungibili né troppo ambiziosi. Mi piace vedermi proiettata in un futuro ricco di emozioni, dove sono una moglie amorevole, una mamma perfetta, un’ottima maestra d’asilo, dove vivo alla giornata ed ogni mattina mi sveglio e sono felice, perché so di trascorrere ogni giorno una vita fantastica, pur nella sua semplicità.
La paura dell’ignoto insorge nel momento in cui si inizia a pensare che ciò che si desidera non possa realizzarsi. Io non ho timore di questo, poiché detengo un segreto per vivere bene: pensare sempre positivo e portare avanti le proprie passioni più grandi. Se non si dovessero realizzare per un qualche motivo sarà stato il destino a cambiare le carte in tavola; credo molto in questo e ritengo che ognuno nel mondo abbia già prescritto il suo futuro.
Certo, crescere significa cambiare, responsabilizzarsi, diventare indipendenti, ma nonostante le difficoltà che riscontrerò in questo percorso, sono pronta ad affrontarlo a testa alta, combattendo se necessario per difendere sempre ciò in cui credo e realizzarmi come persona.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account