Ogni anno, il 31 Dicembre realizziamo che l’hanno appena vissuto si sta per concludere, di conseguenza nella nostra mente iniziamo ad analizzare i pro e i contro di ciò che abbiamo vissuto- e perché no- anche a fare una scaletta di tutti gli eventi che ci hanno fatto male e quelli che ci hanno donato un sorriso. Alla fine di ciò, dopo aver messo a nudo tutti i nostri pensieri e le nostre storie, iniziamo a fare una piccola scaletta di ciò che vorremmo fare nell’anno nuovo. Siccome questa è una routine, ovviamente non può mancare anche per questo 2015, con la scaletta per il 2016. Il problema dei “Vorrei…” per l’anno prossimo, è che la maggior parte delle volte non riusciamo mai a realizzare i nostri propositi o magari non si avverano mai le nostre predizioni. Fare predizioni a volte è un bene, perché ci porta ad immaginare un qualcosa che ci rende felici, ma quando esse non si avverano ne siamo davvero dispiaciuti. I miei propositi o le mie previsioni, potrebbero essere: Vorrei andare bene a scuola e terminare l’anno con buoni voti. Vorrei poter incontrare il mio idolo. Vorrei poter fare sempre nuove amicizie, perché gli amici non bastano mai, ne ho conosciuti molti in questo anno e spero di conoscerne altri. Vorrei, Vorrei, Vorrei…ma in realtà cos’è che si vuole davvero? I Vorrei ci invadono i pensieri, ma alla fine sono davvero le cose che ci servono e che vogliamo?.

0
Commenti
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Bel titolo che rispecchia perfettamente ci

  2. paolaaa 5 anni ago

    Ciao :) Il tuo articolo esprime un concetto vero e lo fai in modo semplice ed efficace. Non ho apprezzato particolarmente per

  3. ginabuonvino 5 anni ago

    Il titolo

  4. pasqua98 5 anni ago

    Ciao, dalla redazione i Carbo..Idrati!
    Il titolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account