Buoni propositi e tante speranze uniscono uomini e donne alla vigilia di un nuovo anno, che, come ci si augura, sarà migliore del precedente. Si condividono con parenti e amici le proprie impressioni su ciò che ha reso unico questo periodo, confrontandolo con quelli passati e decretando il vincitore. Verso la mezzanotte, ci si dimentica per pochi minuti di tutto ciò che è successo, pensando ai lieti eventi che potrebbero rendere il futuro migliore. Stilando una lista dei nostri auspici, potremmo constatare che la maggior parte di essi riguarda noi stessi e la famiglia, mentre solo pochi punti dell’elenco sarebbero dedicati al bene comune, escludendo i cliché che si rinnovano da decenni. Il particolare più ironico di questi ultimi propositi è l’essere tanto desiderati, ma non esauditi, rivelando il lato più egocentrico dell’umanità, capace di badare solo ai propri interessi. Nessuno può sapere quello che accadrà l’anno prossimo, il futuro è imprevedibile, possiamo solo conoscere ciò che è avvenuto in passato, impegnandoci a migliorare il presente.

Commenti
  1. martinamaida 7 anni ago

    complimenti, hai scritto davvero un bell’articolo.

  2. giadinca 7 anni ago

    Ciao dalla redazione i Carbo..Idrati!
    Del tuo articolo mi ha incuriosito molto il titolo, un po’ meno l’immagine che hai voluto utilizzare. Il tuo elaborato mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account