Considero Capodanno come un giorno di tristezza, perché significa che un altro anno è già passato velocemente e sta per svanire senza avere la possibilità di tornare indietro. Siamo giunti alla pagina 365 dell’anno 2015, e mentre si fa il conto alla rovescia per l’arrivo del nuovo anno, iniziano a passare nella mente tutti i ricordi, le nuove amicizie, le perdite, le avventure vissute durante l’anno.
Non mi sono ancora chiari tutti gli obiettivi del 2016, ma è sicuro che entro la mezzanotte, il 2015, se ne andrà lasciandomi un sacco di cose meravigliose e portandosi via le cose meno belle che però mi hanno dato l’opportunità di iniziare un nuovo anno più leggera e più ricca nel profondo del mio cuore.
Durante questo anno ho sperato che le cose andassero meglio e non sempre è andato cosi, ma sicuramente ho imparato a non crollare e non definirmi mai sconfitta. Ho imparato che i miracoli non esistono e che sicuramente anche il 2016 sarà un anno di lotte e di sacrifici.
Spero che nel corso del nuovo anno ci sia una ripresa economica, che tutti i cittadini possano vivere una situazione di tranquillità. Spero però di trascorre serenamente con la mia famiglia, conoscenti e amici un buon anno ricco di felicità e di gioia.
Auguri di buon anno a tutti voi!

Commenti
  1. federotulo 6 anni ago

    L’articolo

  2. mikyreporter 6 anni ago

    Il tuo articolo

  3. ginabuonvino 6 anni ago

    Il titolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account