Da come è passato quest’anno si è molto scettici nel pensare che il 2016 possa essere un anno migliore. Il 2015 per certi versi è stato un anno drammatico, un anno di terrorismo, un anno di crisi e disoccupazione, un anno di inquinamento e immigrazione. Sicuramente non ha nulla di particolarmente diverso, però per come si prospetta il prossimo anno dovremmo uscire dalla crisi, si dovrebbe risolvere il problema dell’inquinamento… ma nello stesso tempo rimane la paura per gli attentati e il terrorismo, che è uno dei fattori che più ci spaventa.
Personalmente penso che il 2016 continui e si sviluppi come il 2015, qualche differenza ovviamente ma non credo possa cambiare radicalmente.
Io spero solo si possa trovare una soluzione al problema dell’inquinamento diventato oggi insostenibile; dobbiamo prendere delle decisioni, anche drastiche se è necessario, per aiutare la terra e la sopravvivenza dell’uomo su questo pianeta.
Inoltre spero che il 2016 possa mettere fine a questa situazione di guerra a base religiosa che si sta creando, che possa iniettare in tutti noi un senso di pace e armonia affinchè tutti possano smettere di versare sangue su sangue.
Ovviamente i problemi che ci sono nel mondo sono davvero davvero tanti, è praticamente impossibile elencarli tutti. Ho voluto citare questi due problemi perché sono quelli che più hanno caratterizzato i precedenti 365 giorni. Sicuramente la miglior cosa da dire di fronte a tutto questo è ”diamoci una calmata”.

0
1 Comment
  1. maryscalzi 5 anni ago

    Ciao dalla redazione Menti in azione
    Il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account