Non so proprio cosa aspettarmi dall’anno che verrà.
Nel capitolo della mia vita che sta per concludersi sono successe tante cose: ci sono state sorprese – non sempre piacevoli -, nuove scoperte, ho avuto il piacere di fare nuove conoscenze e sono capitati eventi importanti che mi hanno fatto sentire veramente bene.
Nello strano e contorto pezzetto di storia che porta il nome di 2015 ho perso tanto, veramente tanto; ma non sono di certo mancate le vittorie, piccole agli occhi del mondo, ma immense ai miei.
Inutile dire che vorrei tanto che il 2016 fosse uguale o anche meglio del 2015 per le cose che mi hanno fatto sorridere.
Vorrei che la situazione migliori per alcuni motivi e per altri vorrei che quello che ho adesso non sparisca senza una ragione, così, di punto in bianco.
Vorrei che le sorprese sgradevoli stessero alla larga da me, per un bel po’.
Vorrei che i pezzi del puzzle che dovrà venirsi a creare comincino a mettersi in ordine, in modo tale da non mandarmi in confusione. Vorrei, eppure so che non potrà andare tutto secondo la mia volontà.
So che ci saranno colpi di scena che non apprezzerò, so che niente scorrerà secondo i miei piani e so che ci saranno momenti poco allegri, però sono pronto.
Faccio il conto alla rovescia per questo 2016 e sogno che sia bellissimo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account