Viviamo in un mondo dove veniamo continuamnete controllati sui social, sui nostri gusti personali, sui nostri interessi, questo e preoccupante anche perchè poi veniamo bombartdati di pubblicità relative alle cose che ci interessano.
Sotto un punto di vista puo andare bene perchè almeno sappiamo che sono cose che ci interessano, ma d’altra parte sfruttano i social per una pubblicità forzata, che noi siamo chgi più chi meno inconsciamente bombardati.
Tutto questo è giusto? Non credo prorpio è uno sfruttamento per la vendità, basato direttamnete su i gusti e a informazioni private, questo e inammisibile.
Dovremo incominciare a decidere noi cosa guardare, cioe incominciare a catalogare le cose e non subirle senza rtagionarci su, e vivere meno attacatti asi social, vivendo più in contatto con il mondo fuori dai social.
Dovremo anche ricominciare a informarci alla vechia maniera, tramite volantini, libri e persone reali.
Stare troppe ore a scegliere in pratica cosa ci interessa sui social, per poi essere analizzato e sfruttato per una pubblicita indirizzata, a me siceramente mette un po di ansia, siamo insomma controllati ventiquattro ore su ventiquattro, spaventoso.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2018 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account