Molti di loro hanno fatto di YouTube un vero e proprio lavoro e, per alcuni, il successo su Internet ha rappresentato una svolta importante anche dal punto di vista economico: alcuni sono ultra trentenni, ma i giovanissimi avanzano tra le star del sito web di condivisione video – il cosiddetto video sharing – più conosciuto sulla Rete. Negli ultimi anni questo social network ha conosciuto una diffusione impressionante: oggi, è quasi impossibile che un medio conoscitore dei mezzi tecnologici non si sia mai imbattuto in un video su YouTube. Talvolta viene considerato un vero e proprio social network, pur non essendo nato con questa specifica funzione, poiché rende possibile l’interazione fra utenti a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro. Registrandosi e creando un proprio canale, chi utilizza YouTube può pubblicare video, visibili da tutto il mondo, e interagire con i suoi subscribers, gli iscritti al suo canale, l’equivalente dei followers su Twitter o Instagram. Ecco come nascono le YouTube Stars: giovani che, grazie alla loro passione per YouTube, hanno raggiunto una notorietà inimmaginabile, con milioni di subscribers in tutto il mondo, e si sono guadagnati il titolo di celebrità di Internet. Com’è possibile che dei giovani poco più che ventenni siano già multimilionari, famosi a livello mondiale, solo grazie a dei video su YouTube? La risposta, probabilmente, sta nel fatto che gli Youtubers sono esattamente come i loro iscritti: normalissimi ragazzi, che hanno saputo sfruttare al meglio quello che era nato come un passatempo e hanno avuto fortuna. Infatti, anche le star con dieci milioni di subscribers, agli inizi della loro carriera, avrebbero potuto essere scambiati per comuni ragazzini che si divertivano di fronte ad una videocamera – dopotutto, lo erano – e hanno vissuto tutte le prime difficoltà di ogni nuovo utente di YouTube. Il loro successo è stato il risultato delle numerose esperienze accumulate, come in una sorta di “gavetta”. Proprio per questo, i loro iscritti vedono negli Youtubers un modello in cui identificarsi e un esempio da seguire, non solo in ambito mediatico, ma anche nella vita. Fra lo YouTuber e ciascuno dei suoi subscribers si crea un rapporto che, almeno dal punto di vista dell’iscritto, è unico: attraverso lo schermo, è come se la star di quel canale si relazionasse direttamente con ciascuno dei milioni di adolescenti, nel mondo, seduti di fronte ad un computer e intenti a guardare un suo video. Questi giovani comunicatori incarnano la mentalità della generazione digitale e i giovani vedono in loro delle figure su cui poter far riferimento e da cui poter essere capiti, per quanto questo sia possibile attraverso uno schermo. Pur non avendo grandi capacità, star come PewDiePie sono in grado di regalare un sorriso ai loro subscribers, portando una ventata di leggerezza anche nella giornata più cupa ed è proprio questa la loro forza: far dimenticare per un momento tutti i problemi, pensando soltanto a divertirsi, anche se per poco.

0
1 Comment
  1. ricanews 5 anni ago

    Articolo scritto bene in modo scorrevole, anche se nell’introduzione sembra manchi il soggetto visto che sei partita rispondendo in modo diretto alla domanda della testata. Hai trattato bene l’argomento esprimendo sia l’impegno e la fantasia necessaria per queste persone, sia quale sia per gli utenti il motivo per cui si seguono gli YouTubers.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account