Il mondo di Youtube è un mondo da scoprire: ormai da una decina d’anni i giovani si iscrivono su questo sito per inseguire un proprio sogno, qualunque esso sia, dalla passione per la tecnologia, alla voglia di divertirsi e divertire esibendo la propria abilità fisica, ludica e intellettuale. Se questi giovani in qualunque modo riescono a diventare “famosi”, quindi conosciuti sul web, ecco che emergono le loro singolari caratteristiche, che ne fanno piccoli divi: osannati dai bambini e talvolta dai ragazzi più grandi, organizzano eventi in varie città, che dovrebbero fornire l’occasione di una conoscenza finalmente diretta alle migliaia di fan in attesa almeno di un autografo. Ebbene sì, questi ragazzi di anche soli vent’anni firmano autografi come fossero attori di Hollywood o cantanti rock! Alcuni hanno poco merito, restano adolescenti immaturi e inutilmente provocatori; altri si dimostrano più ambiziosi, più “artisti”, tanto da allargare il loro campo di esperienza al grande schermo. THE PILLS, tre youtuberstar italiane, ad esempio, hanno concluso il loro primo vero film in uscita a fine gennaio. Non bisogna, quindi liquidare gli youtubers come degli sfaticati che, al posto di cercarsi un lavoro, si sono messi a fare dei video, ma bisognerebbe guardarli con il dovuto rispetto, perché dietro un corto di venti minuti si nascondono anche più di due ore di preparazione e di impegno, un bell’apprendistato per imprese più degne.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account