Facebook è un social network che dà l’opportunità ad ognuno di creare un’identità, la propria. In realtà dà solo l’illusione di poter dimostrare di essere se stessi, perché molte volte si cade vittima del conformismo. Sui social network, ma anche nella vita reale, abbiamo un obiettivo: piacere agli altri ancora prima di piacere a noi stessi. Riusciamo, però, a essere sempre noi stessi sui social network? Quanto questo ci condizioni dipende dal carattere di ognuno di noi. L’”omologazione” visiva, cioè sembrare uguali a quelli che dall’aspetto sembrano persone di successo, è molto forte e da questa trae vantaggio anche la moda. È il mondo del marketing e della pubblicità, non importa quanto si finge basta, attrare ‘seguaci’. L’importante è piacere, a scuola, in giro, poi quando si torna a casa ci si spoglia delle maschere. Tutti sappiamo che gli altri conoscono il personaggio che ci siamo costruiti, che lasciamo trasparire, non la persona vera, quello che siamo realmente. Costruiamo noi stessi il personaggio, credendo di diventare così come ci vogliono. La citazione di Pirandello “è più importante apparire che essere” ci dimostra come nella “società dei social network si vedano ormai tantissime maschere e pochi volti. Non è giusto, comunque, condannare totalmente un mezzo di comunicazione web così diffuso e importante, solo perché molta gente lo usa in modo scorretto; bisognerebbe invece sostenere chi ne fa un uso appropriato e farne un esempio. E voi, quanto siete disposti a mentire, pur di piacere agli altri?

0
1 Comment
  1. mohamed2014 4 anni ago

    complimenti ,hai approfondito molto bene l’argomento. Uno dei problemi pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account