Il ventunesimo secolo attraverso i Social Network che siano Facebook o Twitter, può benissimo descrivere tutto il globo terrestre. Ormai pubblicare, twittare o postare qualsiasi cosa sulla propria home avviene in maniere continua, quasi abituale e infrenabile. Molte volte, però, troviamo vari post che spaziano in generi diversi. Persone che pubblicano messaggi lamentandosi di qual cosa successa nella propria vita privata attraverso frasi di canzoni o citazioni riferite ad un determinato fatto accaduto, sbilanciandosi tanto con il resto della community ed altri che si mostrano al resto della società in maniera diversa rispetto a quello che sono veramente, proprio come se indossassero una maschera. Similitudine che richiama alla mente la parola latina persona. Esattamente la maggior parte della gente è falsa non solo nella vita, ma anche in modo sproporzionato nei social. Preferisco mille volte restare nell’anonimato ciò vuol dire senza pubblicare, che trasmettere agli altri una me diversa, quasi falsa.

1 Comment
  1. federotulo 7 anni ago

    Sono d’accordo con te, i social sono nati per scopi ben diversi da quelli per cui sono utilizzati oggi, soprattutto da adolescenti che vi scrivono di tutto, dai fatti pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account