Il corpo umano, come quello di tutti gli altri esseri viventi, è una macchina in continuo movimento. Per mantenersi attiva e svolgere tutte le funzioni richieste dall’organismo, questa “macchina” ha costantemente bisogno di carburante: il cibo. E’ il cibo che permette all’uomo di muoversi, di lavorare, di vivere. Si può dire che il cibo sia il mezzo attraverso cui l’uomo trae energia dall’ambiente esterno.
Naturalmente, le persone del mondo non mangiano tutte allo stesso modo. La tipologia, la quantità e la qualità del cibo consumato da un individuo sono infatti influenzate dalla sua condizione sociale, dalla società in cui vive, dall’ambiente famigliare e persino dalla religione che pratica. Nei paesi che hanno raggiunto un certo livello di benessere economico, non solo il cibo viene consumato in proporzioni esagerate, ma si riscontra un elevato consumo di grassi, zuccheri e altre sostanze con esito negativo sull’organismo. Di conseguenza, in questi paesi è maggiore la percentuale di persone in sovrappeso, o addirittura obese (in Italia rispettivamente il 32% e il 10%). Al contrario, nei paesi sottosviluppati o in via di sviluppo, la stragrande maggioranza della popolazione vive in condizioni subumane, è denutrita, spesso muore di fame o per altre malattie legate alla scarsa alimentazione. Pertanto, oggi il cibo non ha solo un valore nutrizionale, ma anche etico, dal momento che da un suo utilizzo equo dipende le vita di milioni di individui.

0
Commenti
  1. diste 4 anni ago

    La foto che hai “caricato”

  2. mikyreporter 4 anni ago

    la foto

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account