Venerdì 13 Novembre 2015 è stato eseguito un attacco terroristico da parte dell’ISIS, che ha provocato 130 morti e più di 200 feriti. E’ stato un attentato che ha colpito tutto il mondo ed ha causato paura e timore nel morale delle persone. Lo scopo principale da parte di questa organizzazione islamica è stato conseguito con successo: l’Isis è riuscito a incutere terrore a tutto il mondo, dimostrando la sua grande potenza.
Nei giorni successivi però c’è stata un’importante risposta sia da parte dei principali leader mondiali, sia anche da parte delle persone stesse che sono state molto vicine alla popolazione francese ed alle vittime di questo terribile attentato.
Ora però sorge una domanda spontanea: chi finanzia l’ISIS? Sicuramente qualche esponente politico che per paura di subire attentati nel proprio paese o addirittura rimettercene lui e la sua famiglia, sborsa soldi dello stato per mettersi al riparo da qualunque pericolo, perché altrimenti non sarebbe così potente da terrorizzare tutto il mondo avendo armi e munizioni infinite …
Certamente i terroristi dell’Isis possono sfruttare anche la grandissima ricchezza degli Emirati Arabi che trasformano il petrolio in mazzette di soldi e, avendo territori
conquistati con le armi, possono avere sicuramente una fonte sicura di guadagno per poter effettuare questi terribili attacchi.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account