Dopo gli avvenimenti di Parigi, l’argomento Isis o Daesh è tornato in voga. Tutte le testate giornalistiche hanno dedicato pagine e pagine agli attentati e a questa organizzazione terroristica. Nessuno però fa realmente chiarezza riguardo un paio di punti. Sappiamo che coloro che si arruolano nelle file dell’Isis difficilmente sono soldati, quindi è lecito domandarsi da dove arrivino tutte quelle armi. A questa domanda molto frettolosamente si risponde affermando che sono gli americani a fornire l’equipaggiamento ai miliziani islamici. Tuttavia questa risposta è completamente sbagliata. Non sono solo gli americani a fornire armi all’ Isis, ma in generale tutto l’Occidente (compresa l’Italia) e gran parte degli stati sottomessi. Un’altra cosa da ricordare è che spesso coloro che si arruolano sono musulmani (o presunti tali) residenti in Europa.
Subito dopo aver risposto a questo quesito, sorge un altro dubbio: perché? Perché mai gli americani e gli occidentali dovrebbero fornire armi al “nemico”? La risposta è molto più ovvia di quanto si possa immaginare, il “nemico” possiede qualcosa che serve all’Occidente, qualcosa senza cui non riusciremmo ad andare avanti (nel vero senso della parola), qualcosa che negli ultimi 10 anni ha smosso il mercato. Ovviamente è il petrolio, l’oro nero che ha reso ricchi i califfi. Il giro di affari è molto semplice, l’Isis obbliga gli stati che possiedono il petrolio a venderglielo a basso costo, diventando quindi l’unico fornitore di oro nero nel Medio Oriente. Dopodiché viene venduto agli occidentali che barattano il petrolio con le armi.
In conclusione ciò che alimenta la guerra è un motivo economico, e non religioso come alcuni ci fanno credere. I musulmani sono indignati di essere accomunati a questi estremisti, per il semplice fatto che non esiste l’estremismo religioso. Non facciamo di tutta l’erba un fascio, i terroristi islamici esistono da almeno 30 anni.

Commenti
  1. Author
    soficanig98 7 anni ago

    Io non ho mai affermato che ci

  2. federotulo 7 anni ago

    Secondo me

  3. dada1998 7 anni ago

    Prima di criticare metti te le domande e non scrivere le tue idee come se fossero quelle e solo quelle giuste, poi nel tuo caso hai messo le domande rispondendo te con “la risposta

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account