Sappiamo tutti che, domenica 17 Aprile, si terrà il referendum nel quale gli italiani devono votare se abolire o meno una legge che consente di continuare le trivellazioni in mare per l’estrazione di gas e petrolio.
Votando ”si” queste trivellazioni, che sono dannose per il nostro amato mare, verrebbero bloccate; votando ”no”, a seguito di alcuni permessi e accertamenti, queste estrazioni continueranno fino all’esaurimento di ogni gas naturale.
Sicuramente, in un mondo come il nostro, calpestato dall’uomo e dalla sua noncuranza per l’ambiente, non sarebbe tanto opportuno continuare a rovinare quello che più abbiamo di bello e incantevole in Italia, il mare. L’inquinamento è ormai troppo avanti, non agevoliamolo e non incentiviamolo.
Sicuramente, come in ogni cosa, c’è un lato negativo, ovvero tutti i posti di lavoro verrebbero persi, incentivando in questo modo la disoccupazione.
Personalmente credo che, se ne avessi la possibilità, voterei ”si”. Il nostro ambiente è troppo importante e, sicuramente, tutti gli uomini potrebbero essere impiegati in altri ambiti più produttivi (come la ricerca).

0
1 Comment
  1. nicotiri 4 anni ago

    Ciao,
    il tuo scritto

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account