Sono alcuni anni che c’è una piattaforma per la condivisione di video, chiamata YouTube, che sta spopolando nel web. Si tratta di un social, conosciuto in tutto il mondo, piuttosto ricercato e utilizzato dall’utenza, soprattutto giovanile, perché permette alle persone di condividere le proprie passioni, le opinioni e le idee con un semplice clic. Possiamo trovare infatti video di qualsiasi tipologia, dai videogiochi alla musica, dalla cucina al makeup, dall’arte all’artigianato. In poco tempo anche i protagonisti che lo animano diventano delle notorietà, come è accaduto al buffissimo PewDiePie, un giovanotto poco più che ventenne, che con simpatia, passione e una risata contagiosa ha colpito la bellezza di 40 milioni di persone, ora iscritte al suo canale. É proprio la sua simpatia il segreto del suo successo. PewDiePie ha saputo cogliere ciò che contraddistingue la gioventù di oggi: la spontaneità dei modi e la semplicità dei suoi interessi. Chiamarlo “idiota” è riduttivo. Significa pensare che lo siano tutti i ragazzi che lo seguono. E se questa è la realtà forse il mondo degli adulti qualche responsabilità ce l’ha.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account