gemmina

Istituto: Lorenzo Costa (Piazza Giuseppe Verdi 15)

Città: LA SPEZIA

Redazione: IdealMente

Sdraiati, ma nell’incertezza

Sdraiati, ma nell'incertezza
Non avremo un lavoro, questo è sicuro. Ce lo ripete dentro il megafono distorto dell'informazione la voce della crisi economica. E fin qui. In compenso, però, avremo in eredità, in cambio della disoccupazione, anche un mondo ridotto ad una polveriera, un globo minato, pronto a esplodere. O implodere. Minacce di bombe nucleari e lanci missilistici, conflitti all over the world, attacchi terroristici e sparatorie, torture, morti atroci, massacri riempiranno il menù del giorno. Di ogni giorno di quelli in cui sorbiremo tutto questo con crescente indifferenza venata di terrore. Nascosta però sapientemente nello scaramantico "ma deve proprio capitare a me? Figurarsi!" di chi vive le cose da lontano e non si rende conto di quanto siano vicine. A condire questa variegata prospettiva, fili spinati e masse di disperati che si spostano da un continente all'altro, da violenza a violenza. Come canta Fossati "da una terra che ci odia ad un'altra che non ci vuole." Cicerone aggiungerebbe senza dubbio una critica a questa crisi dei valori che sta colpendo il mondo contemporaneo, occidentale innanzitutto. O tempora, o mores! Mentre i Romani guardano con schifo al nostro presente, nelle loro barbe antiche, dai loro comodi triclini, noi ragazzi di oggi siamo altrettanto adagiati. Ci hanno chiamati "gli sdraiati". Più che sdraiati direi abbattuti. L'unica certezza che abbiamo è quest'incertezza che ci martella in testa. Come viviamo questa situazione? Io proporrei di alzarci tutti quanti. E - amara ironia a parte - creare una barriera di "altro" rispetto a tutto quello che subiamo. "Altro" che sia la base per costruire quel famigerato "mondo migliore" che assomiglia sempre più a un'"isola che non c'è". Ma chissà che qualche siccità non la faccia emergere. Mettiamoci anche le catastrofi naturali. (Tanto l'inquinamento non esiste, no?) Eppure non dobbiamo farci bloccare dall'era dell'incertezza. You may say I'm a dreamer, but I'm not the only one... Credo che John Lennon abbia vissuto un periodo altrettanto incerto, non cerchiamo scuse per la nostra indifferenza.